Close

dicembre 27, 2008

Ficcare la lingua in bocca

Suscita molto interesse guardare il mondo con gli occhi di un alieno, e per alieno intendo una persona estranea al nostro contesto e alle nostre abitudini.
Ogni tanto mi soffermo a pensare a quanto ci piace baciare, nonostante non abbiamo recettori del piacere sulla lingua.
Centrerà qualcosa con la neurobiologia, proabilmente, perchè comunque proviamo piacere a ficcare la lingua nella bocca del soggetto desiderato; e descritto in questi termini può sembrare una cosa squallida, stupida e semplice. In realtà è un gioco mentale molto approfondito, tant’è vero che non è mica facile ficcare la lingua nella bocca di chi si desidera.
Il sesso è più comprensibile in quanto è un piacere estremamente fisico e notoriamente tangibile; ma il bacio?
Il bacio è l’espressione psicologica della vittoria di un gioco sociale che si instaura con un obbiettivo, selezionato in base a criteri personali quale, soprattutto, l’estetica.
La discoteca è uno stadio per giocatori del genere, dove le persone si recano non per fare sesso, perchè l’ambiente non lo consente, ma per ficcare la lingua in bocca a più prede possibili, per poi vantarsene con i loro simili.
Esistono persone che sentono il bisogno di ficcare la lingua in bocca ad un estraneo, mentre sono fidanzate con qualcun’altro; buffo pensare che certa gente è capace di tradire la fiducia del proprio partner per un piacere psicologico.
Poi ci sta il gioco della bottiglia, dove il gioco si decide in base alla fortuna, e così anche relative prede e predatori.
Insomma, noi esseri umani troviamo gratificante inserire la nostra lingua nelle cavità orali altrui, questo ci compiace e ci fa sentire meglio, nonostante non ci sia nessun piacere fisiologico annesso. 
Ancor più interessante notare come perda per noi esclusività il bacio quando si tratta di ficcare la lingua in bocca al nostro partner, in quanto già sappiamo che ce la fa ficcare.

2 Comments on “Ficcare la lingua in bocca

Endrius
febbraio 17, 2012 a 4:49 pm

6 un genio

gianvito
marzo 27, 2012 a 9:40 pm

ty!

I commenti sono chiusi.