Close

aprile 10, 2009

Che tempo fa?

Mah, piove.
C’è di peggio, però.
In Abruzzo c’è stato un terremoto.
In quei casi l’ombrello non serve.
Fortuna che l’Abruzzo è abbastanza lontano da me.
Però sai, un pò mi dispiace visto che qualcuno ha perso la casa (se non la vita) e la mia preoccupazione continua ad essere come vestirmi stasera.
Ma sto cercando di rimediare ai sensi di colpa.
Anzitutto mando un sms da 1 euro, così potrò dire di aver dato il mio contributo.
Poi mi iscrivo ai vari gruppi facebook, per mostrare al mondo quanto sono solidale. 
Ci sono tanti gruppi da cui scegliere, scrivo terremoto e clicko sul primo: “x le vittime del terremoto in abruzzo..”.
Sono già 400.000 persone.
La descrizione del gruppo è “x quelli che vogliono rivolgere un pensiero alle vittima del terremoto di questa mattina, e solidarietà alle persone che in questo momento,si trovano in difficoltà.”.
Fortuna che mi sono iscritto, sennò come facevo a rivolgere pensieri e solidarietà?
Prendo esempio da L.N. che sulla bacheca scrive “Esprimo tutta la mia solidarietà a tutte le famiglie delle vittime che oggi dovranno dare l’ultimo saluto ai propri cari e a tutto il popolo abbruzzese che sta vivendo l’enorme disagio x essere più nella propria casa. un caloroso saluto”.
Allora dai, scrivo anche io un messaggio solidale sulla bacheca.
Non trovo affatto squallido autocelebrare la mia sensibilità, e articolare il messaggio in modo che le persone che lo leggano, affianco al mio nome e cognome, possano capire quanto io sia umano.
Poi parteciperò ad un evento, perchè io sono una persona sensibile.
Trovo subito 16 eventi che mi suggeriscono quando stare zitto.
Gli eventi si dividono, a grandi linee, in silenzi da 1 minuto, 5 minuti oppure un’ora.
Scelgo quando stare zitto, e mi iscrivo.
Invito tutti i miei amici a partecipare, perchè è cosa buona e giusta.
A questo punto condivido qualche immagine che abbia a che fare col terremoto, magari una bandiera italiana con un fiocco nero, in segno di lutto.
La metto nell’Avatar, e la mia sensibilità, in questo modo, è in bella mostra a tutto facebook.
Copio-Incollo qualche email che mi arriva, la inoltro alla rubrica, autoconvincendomi che serva a qualcosa.
Scrivo un messaggio in messenger, o in facebook, riguardante il terremoto: un pò politico, per dare la colpa a qualcuno e far capire che la scelta politica giusta è la mia, non la loro.
E se la pensavano tutti come me, questa situazione non si sarebbe venuta a creare.
Ecco, ora sono apposto.
Sono una persona sensibile e disponibile, ho fatto la mia parte per aiutare quella povera gente!
E chi non copia-incolla le catene per l’Abruzzo, non fa le ore di silenzio, non si mette il fiocco nero nell’avatar, non si iscrive a gruppi di solidarietà e non da la colpa a qualcuno del terremoto, è semplicemente un insensibile menefreghista.
Posso tornare a pensare cosa indossare stasera e dove andare a mangiare la pizza. 
Spero tanto che le persone possano notare la mia sensibilità, in modo da apprezzarmi.

 

sar||smo
s.m.
CO 
ironia amara e pungente rivolta contro qcn., dettata da animosità e insoddisfazione e tesa a ferire l’oggetto di tale sdegno: fa del s. su tuttonoto del s. nella tua risposta, mi disapprovi? 

4 Comments on “Che tempo fa?

anna
aprile 13, 2009 a 8:15 pm

si si …confermo il mi pensiero( leggi commento articolo precedente:) )

anna
aprile 13, 2009 a 8:16 pm

si si … confermo il mi parere ( leggi commento articolo precedente:) )

anna
aprile 13, 2009 a 8:17 pm

ops…submesso 2 volte:)

io
aprile 14, 2009 a 2:21 am

troppo gentile 🙂

I commenti sono chiusi.