Close

Settembre 23, 2009

La questione interventismo

Esiste un paese (non il nostro) dove i diritti umani non vengono rispettati e la gente muore per un si e per un no, spesso ingiustamente.
Quando si parla di interventismo, l’animo politico della popolazione si manifesta inevitabilmente.
Possiamo suddividere l’opinione politica italiana principalmente in due fazioni: la destra e la sinistra.
Le persone di destra, detti anche fascisti, sono a favore dell’intervento in guerra, in quanto ritengono inferiore la cultura di quel paese e quindi necessario un cambiamento, anche a costo di usare la forza.
I militanti di sinistra, detti anche nazionalisti, sono contrari all’interventismo, nonostante la questione dei diritti umani e della gente che muore, perchè non è affar nostro ciò che succede negli altri paesi, e la guerra non è mai una soluzione.
Tranne se si parla del ventennio: in quell’occasione, l’uso della forza era più che lecito.
Vuoi o non vuoi, in guerra il morto ci scappa sempre, e questo comporta ulteriori divergenze d’opinone.
I fascisti vorrebbero per i combattenti defunti un trattamento speciale, tipo un funerale di stato; i nazionalisti, invece, affermano che la morte in guerra non valga meno delle altri.
In pratica, non esistono morti di serie A e morti di serie B: ogni vita ha lo stesso valore, indipendentemente dal mestiere che facevi.
Concludendo, secondo la sinistra:
– La morte di un partigiano vale quanto quella di un poliziotto.
– Se Hitler non avesse invaso la Polonia, poteva anche sterminare gli ebrei indisturbato: non saremmo dovuti intervenire, anzi era nostro dovere rispettare la loro cultura. O quantomeno assistere senza muovere un dito.
– Dobbiamo impegnarci affinchè i diritti umani vengano osservati nel nostro paese, ciò che succede altrove non ci riguarda.
– L’uso della forza è consentito esclusivamente nel caso in cui vi sia una dittatura, ma soltanto in Italia.
– Se in Italia ci fosse stato il petrolio, gli Americani non sarebbero dovuti intervenire durante la seconda guerra mondiale, per coerenza.

Pace.


Fatal error: Uncaught Error: [] operator not supported for strings in /home/webfire8/gianvito.it/wp-content/themes/layerswp/core/helpers/post.php:62 Stack trace: #0 /home/webfire8/gianvito.it/wp-content/themes/layerswp/partials/content-single.php(81): layers_post_meta(532) #1 /home/webfire8/gianvito.it/wp-includes/template.php(706): require('/home/webfire8/...') #2 /home/webfire8/gianvito.it/wp-includes/template.php(653): load_template('/home/webfire8/...', false) #3 /home/webfire8/gianvito.it/wp-includes/general-template.php(157): locate_template(Array, true, false) #4 /home/webfire8/gianvito.it/wp-content/themes/layerswp/single.php(20): get_template_part('partials/conten...', 'single') #5 /home/webfire8/gianvito.it/wp-includes/template-loader.php(77): include('/home/webfire8/...') #6 /home/webfire8/gianvito.it/wp-blog-header.php(19): require_once('/home/webfire8/...') #7 /home/webfire8/gianvito.it/index.php(17): require('/home/webfire8/...') #8 {main} thrown in /home/webfire8/gianvito.it/wp-content/themes/layerswp/core/helpers/post.php on line 62