Close

settembre 23, 2009

La questione interventismo

Esiste un paese (non il nostro) dove i diritti umani non vengono rispettati e la gente muore per un si e per un no, spesso ingiustamente.
Quando si parla di interventismo, l’animo politico della popolazione si manifesta inevitabilmente.
Possiamo suddividere l’opinione politica italiana principalmente in due fazioni: la destra e la sinistra.
Le persone di destra, detti anche fascisti, sono a favore dell’intervento in guerra, in quanto ritengono inferiore la cultura di quel paese e quindi necessario un cambiamento, anche a costo di usare la forza.
I militanti di sinistra, detti anche nazionalisti, sono contrari all’interventismo, nonostante la questione dei diritti umani e della gente che muore, perchè non è affar nostro ciò che succede negli altri paesi, e la guerra non è mai una soluzione.
Tranne se si parla del ventennio: in quell’occasione, l’uso della forza era più che lecito.
Vuoi o non vuoi, in guerra il morto ci scappa sempre, e questo comporta ulteriori divergenze d’opinone.
I fascisti vorrebbero per i combattenti defunti un trattamento speciale, tipo un funerale di stato; i nazionalisti, invece, affermano che la morte in guerra non valga meno delle altri.
In pratica, non esistono morti di serie A e morti di serie B: ogni vita ha lo stesso valore, indipendentemente dal mestiere che facevi.
Concludendo, secondo la sinistra:
– La morte di un partigiano vale quanto quella di un poliziotto.
– Se Hitler non avesse invaso la Polonia, poteva anche sterminare gli ebrei indisturbato: non saremmo dovuti intervenire, anzi era nostro dovere rispettare la loro cultura. O quantomeno assistere senza muovere un dito.
– Dobbiamo impegnarci affinchè i diritti umani vengano osservati nel nostro paese, ciò che succede altrove non ci riguarda.
– L’uso della forza è consentito esclusivamente nel caso in cui vi sia una dittatura, ma soltanto in Italia.
– Se in Italia ci fosse stato il petrolio, gli Americani non sarebbero dovuti intervenire durante la seconda guerra mondiale, per coerenza.

Pace.

3 Comments on “La questione interventismo

Michele
ottobre 6, 2009 a 7:46 pm

bisogna capire ke i comunisti nn hanno alcuna dignita! sono persone impassibili a cio ke succede,persone inette alla vita, ke nn hanno il coraggio di prendere una seria decisione nella vita,ma si accontentano di vivere all’ombra di altre persone,in poche parole sono dei parassiti. e poi persone ke dicono ke tutti i soldati morti in guerra per difendere la propria patria ,il proprio popolo!,la propria famiglia ed anke loro(i comunisti) che nn hanno il coraggio di affrontare il nemico,queste sono persone da skifare con tutta l’anima perchè uccidono nuovamente tutti i militari caduti in guerra! VERGOGNA! W il DUCE!!!!

qQQ
febbraio 25, 2010 a 1:54 pm

ma sei coglione o fai??

rinoceronte
marzo 22, 2010 a 3:13 am

cos’è? vuoi partecipare al concorso delle “analisi storiche sbagliate”? vinci, ne sono sicuro!

I commenti sono chiusi.