Close

Settembre 28, 2009

Rhum e Pera

Io sono un paranoico: penso che il mondo intero ce l’abbia con me.
Ecco perchè mi state tutti sul cazzo.
Dio si divertirà a complicarmi l’esistenza, arrecandomi fastidio come quando non trovo ciò che avevo in mano fino a pochi minuti prima, che poi magari ce l’avevo sotto il naso ma semplicemente non lo vedevo.
Qualcosa andrà storto, anche più di “qualcosa”, anche più di “storto”.
Non gradisco l’idea di attribuire le mie speranze alla fortuna perchè è lunatica, come se fosse perennemente indisposta, un ciclo mestruale cominciato nel 1987 che terminerà non prima della mia morte.
Nonostante tutto, se mi prefisso un obbiettivo do per scontato che io ci possa riuscire, e se non ci riesco, pazienza.
Orgoglio e autostima non sono sempre sufficienti ad ammortizzare i miei fallimenti, i quali, a volte, sono così pesanti che mi spezzano la schiena.
Fa niente: finora col tempo sono sempre guarito.
Io ci provo.
Mi guardo bene dal tenermi in gola le parole: ho passato gran parte della mia vita a non dire le cose volevo dire, e me ne sono pentito.
La nostra natura ci impone di mandare messaggi subliminali, comunicare con i gesti, perchè abbiamo paura di esporci per come siamo.
Anche a noi stessi.
Quando tutto sarà finito sono sicuro che mi verrà concesso un minuto per ripensare a tutte le volte che volevo urlare cosa sentivo, ma sono stato zitto per paura di non essere capito, e rimpiangerò gli obbiettivi che ho abbandonato perchè il timore di fallire mi ha impedito di perseguirli.
Questa vita è una puttana e probabilmente mi spezzerà il cuore, ma cazzo, sono innamorato.
Va così, Rhum e Pera, perchè ci sono dei momenti forti che ti lasciano l’amaro in bocca, e altri talmente belli da farti dimenticare quel retrogusto sgradevole che ha la vita.
Se davvero Dio mi odia, mi accorgerò di aver finito il succo di frutta soltanto dopo aver bevuto l’ultimo bicchiere di rhum, e resterà un cattivo sapore sul mio palato.
Ma sarò troppo ubriaco per rendermene conto.

Quando sei felice bevi per festeggiare.
Quando sei triste bevi per dimenticare.
Quando non hai nulla per essere triste o essere felice, bevi per fare accadere qualcosa.
(Charles Bukowski)


Fatal error: Uncaught Error: [] operator not supported for strings in /home/webfire8/gianvito.it/wp-content/themes/layerswp/core/helpers/post.php:62 Stack trace: #0 /home/webfire8/gianvito.it/wp-content/themes/layerswp/partials/content-single.php(81): layers_post_meta(555) #1 /home/webfire8/gianvito.it/wp-includes/template.php(724): require('/home/webfire8/...') #2 /home/webfire8/gianvito.it/wp-includes/template.php(671): load_template('/home/webfire8/...', false) #3 /home/webfire8/gianvito.it/wp-includes/general-template.php(168): locate_template(Array, true, false) #4 /home/webfire8/gianvito.it/wp-content/themes/layerswp/single.php(20): get_template_part('partials/conten...', 'single') #5 /home/webfire8/gianvito.it/wp-includes/template-loader.php(78): include('/home/webfire8/...') #6 /home/webfire8/gianvito.it/wp-blog-header.php(19): require_once('/home/webfire8/...') #7 /home/webfire8/gianvito.it/index.php(17): require('/home/webfire8/...') #8 {main} thrown in /home/webfire8/gianvito.it/wp-content/themes/layerswp/core/helpers/post.php on line 62