Close

in

Ffsi

Ieri ho avuto la brillante idea di recarmi presso la biblioteca e mettermi a studiare di fronte la biblioteca, perchè c’erano le panchine, il sole, il polline a braccetto con la mia allergia, i piccioni, gli insetti, il sole (in faccia), la panchina scomoda. In mezzo alla natura non ci sono mai stato bene, sono […]

Leggi Ancora

Considerazioni sul mondo

Insomma dovevo prendere un pullman per arrivare da Montecarlo all’aeroporto di Nizza. Già a partire da casa sembrava un impresa: i francesi sono così nazionalisti da rifiutarsi di imparare l’inglese, quindi quando chiedevo indicazioni mi sentivo come se fossi in Cina perché io il francese proprio non lo so parlare. Il mio pullman sarebbe dovuto […]

Leggi Ancora

I budini al cioccolato

Oggi si parlava di una tizia che si è laureata senza festeggiare, che tipo stava seguendo un corso della specialistica e ha chiesto al professore di uscire dieci minuti, il tempo di andare a laurearsi per poi tornare ai corsi. Non ha comunicato a nessuno questo evento, tentando di depistare addirittura i genitori per trovarsi […]

Leggi Ancora

Se non condividi non mi vuoi bene

Il modo più semplice per fare politica è speculare sui problemi della società, fino a raccogliere il consenso della popolazione, per poi trasformarlo in odio e canalizzarlo verso qualcosa o qualcuno. Hitler così stava conquistando il mondo. L’odio è il fattore che meglio accomuna gli esseri umani: diamo loro un nemico, e loro si coalizzeranno. […]

Leggi Ancora

Che hai fatto a Capodanno?

Il capodanno non l’ho mai gradito. A capodanno devi fare qualcosa, per poi vantartene durante l’anno; a me è sempre andata male. Perchè poi tutti ci pensano: il fatto che tutti escano, che tutti vadano a divertirsi, implica che devo farlo anch’io?  Un giorno come gli altri. Col cazzo. L’introduzione è sempre la stessa: “Quest’anno […]

Leggi Ancora